Liceo Scientifico “Luigi Siciliani” - Catanzaro

Logos&Techne

Visite: 3495

Finalmente! Dopo tutti i tentativi di ottenere una visita andati a vuoto negli anni scorsi, lo scorso mar 30 aprile ben 25 studenti di quarte classi partecipanti al progetto di curvatura tecnologica “Logos&Techne” accompagnati dai docenti Evelina Bene (resp. orientamento) e Francesco Scerbo (coord. LT) sono davanti l’ingresso del Building 33 del CERN – Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare- il più importante, per qualità degli studi e delle ricerche che vi si svolgono , e grande, per il numero di scienziati e ricercatori che vi lavorano, laboratorio di fisica al mondo.

Ad attenderli c’è una guida di eccezione che rende, se possibile, questa visita ancora più unica e straordinaria: il prof. Antonio Ereditato, fisico di fama mondiale, responsabile scientifico di numerosi esperimenti realizzati o in corso di realizzazione in questi laboratori, al FermLab di Chicago e al J-Parc di Tokai (Giappone), professore ordinario di fisica all’Università di Berna dove è anche il Direttore dell’Istituto di Fisica delle Alte Energie e dell’Albert Einstein Center for Fundamental Physics, autore oltre che di centinaia di pubblicazioni scientifiche anche di libri a carattere divulgativo.

L’invito a visitare il CERN risale al maggio del 2018 in occasione dell’incontro, organizzato presso il MARCA, del prof.Ereditato con gli studenti del nostro liceo per un laboratorio di fisica collegato al suo libro “Le particelle elementari”.

La visita preparata dal prof. Ereditato si snoda lungo due temi paralleli ma strettamente interconnedsi: le nuove conoscenze che le ricerche condotte al CERN ci hanno regalato e le nuove tecnologie sviluppate in questi laboratori.

Il percorso è partito dalle due strutture simbolo dei laboratori: il “Nastro della Conoscenza” e la “Sfera”.

 La lettura sul “Nastro della Conoscenza”, che con le sue curve sinuose slanciate verso il cielo ricorda il nastro di Moebius, della sequenza delle principali conquiste della conoscenza scientifica che vi sono incise ha condotto gli studenti in un viaggio dal primo utilizzo dei numeri è arrivato fino alla “lagrangiana del Modello Standard” utilizzata dagli scienziati del CERN per interpretare i dati raccolti con gli acceleratori di particelle.

Nell’ambiente suggestivo e coinvolgente della “Sfera” il viaggio temporale si è “dilatato” dal Big Bang ad oggi, seguendo i principali momenti della evoluzione del nostro Universo, dalla sua nascita fino ad oggi, passando per i quark, le particelle elementari, la nascita dei nuclei e degli atomi, l’attimo del “fiat lux” – la comparsa della luce, fino alla nascita delle stelle e delle galassie e dei i buchi neri.

La visita è proseguita poi nel “Microcosmos” dove il prof. Ereditato ha illustrato l’evoluzione delle tecnologie nate ed utilizzate nei laboratori, dalle camere a nebbia degli anni ’50 ai moderni rivelatori a semiconduttori, dalla superconduttività che richiede di creare le temperature più basse esistenti in tutto l’Universo alle tecniche di vuoto ultraspinto.

La visita non poteva non includere il Centro di Calcolo, uno dei più potenti al mondo e la stanza di Tim Berners-Lee, l’inventore di internet e del “grid”.

Insomma, una giornata affascinante e coinvolgente che ha catturato l’attenzione degli studenti, pronti a rivolgere al professore domande sempre interessanti e pertinenti, che speriamo di poter ripetere presto con una rappresentanza ancora più numerosa di studenti e docenti.

Il viaggio è stato completato dalla visita guidata alla sede ONU e delle sue principale sale dove si svolgono riunioni dei paesi membri che affrontano temi quali la pace mondiale, la fame, i problemi dei rifugiati, la gestione dei campi profughi e la visita al Museo di Storia della Scienza, la cui esposizione permanente presenta ricostruzioni degli habitat ed ecosistemi sia tipici svizzeri che di tutto il mondo.

Link utili

Torna su